Mosca avverte: “Usa in guerra se danno missili a lungo raggio a Kiev”

 

epa10183576 Russian President Vladimir Putin enters a hall during a ceremony marking the 100th anniversary of the State Sanitary and Epidemiological Service at the Kremlin in Moscow, Russia, 14 September 2022. EPA/PAVEL BEDNYAKOV / SPUTNIK / KREMLIN POOL MANDATORY CREDIT

 

Il presidente russo Vladimir Putin è arrivato a Samarcanda, in Uzbekistan, per il vertice dei leader dei Paesi dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (Sco), in base a quanto riferito da Interfax.

L’attesa è per l’incontro che il capo del Cremlino avrà con il presidente cinese Xi Jinping, arrivato al vertice ieri sera.

Il faccia a faccia, non ancora confermato da Pechino, dovrebbe tenersi oggi configurandosi come il primo tra i due dall’invasione russa dell’Ucraina iniziata il 24 febbraio.

Il presidente Xi Jinping ha avuto i primi incontri coi leader asiatici a Samarcanda, in Uzbekistan, dove è arrivato ieri sera per partecipare al XXII vertice dei leader della Shanghai Cooperation Organization (Sco), parte della sua prima missione all’estero da gennaio 2020, dall’inizio della pandemia del Covid-19. Secondo quanto riportato dai media di Pechino, Xi ha visto finora i presidenti turkmeno Serdar Berdimuhamedov e quello kirghiso Sadyr Zhaparov, a cui ha espresso il sostegno per l’indipendenza e la sovranità territoriale del Paese e l’opposizione alle interferenze straniere. Il presidente cinese parteciperà alla cerimonia di benvenuto organizzata dal padrone di casa, il presidente uzbeko Shavkat Mirziyoyev, in base a quanto riportato dal network statale Cctv. Mentre i riflettori sono puntati sul faccia a faccia con il presidente russo Vladimir Putin, giunto da poco a Samarcanda: sarò il primo bilaterale tra i due leader dall’invasione di Mosca ai danno dell’Ucraina, partita il 24 febbraio.

 

epa10183563 A handout photo made available by the presidential press service shows Ukrainian President Volodymyr Zelensky attends a ceremony of the National flag rising in the reclaimed city of Izyum in Kharkiv’s area, Ukraine, 14 September 2022. The Ukrainian army pushed Russian troops from occupied territory in the northeast of the country in a counterattack. Kharkiv and surrounding areas have been the target of heavy shelling since February 2022, when Russian troops entered Ukraine starting a conflict that has provoked destruction and a humanitarian crisis. EPA/PRESIDENTIAL PRESS SERVICE HANDOUT 

 

 

 Parte dei residenti di Kryvyi Rih, la città di origine del presidente Volodymyr Zelensky nell’Ucraina meridionale, è stata evacuata dopo che il fiume Inhulets ha inondato le strade a causa dell’attacco russo alla diga di ieri pomeriggio. Otto missili da crociera sono stati lanciati contro l’impianto.

“La Russia ha commesso un altro atto terroristico. Hanno colpito una struttura idrotecnica molto grande, il tentativo è quello di lavare via una parte della nostra città. Stiamo monitorando la situazione, ma il livello dell’acqua è salito”, ha detto il capo dell’amministrazione militare Oleksandr Vilkul, citato da Ukrinform.

“Il sistema idrico non aveva alcun valore militare e centinaia di migliaia di civili dipendono da esso ogni giorno”, ha detto in un video messaggio notturno il presidente Zelensky “La stazione di pompaggio dell’acqua è stata distrutta. Il fiume ha sfondato la diga e ha straripato. Gli edifici residenziali sono a pochi metri dal fiume”, ha scritto su Twitter il viceministro ucraino Inna Sovsun. Un rapporto dell’Institute for the Study of War (ISW) indica che gli attacchi alla diga potrebbero avere l’obiettivo di danneggiare i ponti di barche ucraini più a valle per interrompere la controffensiva a Kherson.

“Se Kiev ottenesse” i missili a lungo raggio che ha richiesto agli Stati Uniti, “grandi città russe, oltre che infrastrutture industriali e dei trasporti, ricadrebbero nell’area di possibile distruzione. Uno scenario del genere significherebbe un diretto coinvolgimento degli Stati Uniti in un confronto militare con la Russia”. Lo ha dichiarato all’agenzia Sputnik l’ambasciatore russo negli Usa, Anatoly Antonov. “Particolarmente preoccupante è il fatto che da molti mesi l’Ucraina sollecita la fornitura di missili tattici operativi Atacms, progettati per colpire obiettivi a una distanza massima di 300 km”, ha aggiunto.

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.