La macchina elettorale del Comune di Parma è ormai nel pieno dell’attività in vista delle elezioni programmate per sabato 8 e domenica 9 giugno.

Il Comune raccomanda di controllare per tempo gli spazi disponibili sulla tessera elettorale e ricorda che è possibile prenotare la stessa anche tramite web oppure telefonando al numero verde appositamente dedicato alle elezioni.

Numero verde 800.977917

Con la chiamata al numero verde, completamente gratuita, si può prenotare il duplicato della tessera elettorale in caso di smarrimento.

Inoltre, si possono avere informazioni su:

  • orari e sedi di voto,
  • servizi di trasporto speciale,
  • iscrizione alle liste elettorali del Comune di Parma,
  • modalità di voto per cittadini italiani residenti all’estero, persone ricoverate, persone che necessitano del voto domiciliare e del voto assistito,
  • rinuncia all’incarico di scrutatore,
  • nomina del segretario da parte dei Presidenti di seggio,
  • ogni altra informazione attinente le elezioni.
  • Sito web: www.elezioni.comune.parma.it

Contiene:

  • Normativa

  • Circolari regionali e prefettizie

  • Istruzioni su come si vota

  • Elenco delle sezioni di voto

  • Possibilità di ricercare in quali sezioni votano i residenti di una via dello stradario comunale

  • Orari degli uffici

  • Informazioni su iscrizione Albo Scrutatori e Albo Presidenti di seggio

Servizi online:

  • Richiesta duplicato della tessera elettorale
  • Iscrizione e cancellazione dall’Albo dei Presidenti di seggio elettorale
  • Iscrizione e cancellazione dall’Albo degli Scrutatori di seggio elettorale
  • Domanda di voto a domicilio
  • Sul sito dedicato alle elezioni, sono pubblicate anche le liste definitive relative ai candidati che parteciperanno alla competizione elettorale.

Il sito web permette anche di consultare e scaricare tutto l’archivio dei risultati elettorali dal 2003 e sullo stesso saranno pubblicati i risultati riferiti al Comune di Parma mano a mano che arriveranno dai seggi.

Elettori

Gli elettori per le elezioni europee sono 146.661, di cui 69.948 maschi e 76.713 femmine.

I diciottenni che voteranno per la prima volta saranno in totale 2585 di cui 1289 maschi e 1296 femmine.

Cambi di abitazione all’interno del comune e cambi di residenza da altro Comune

I residenti che hanno cambiato indirizzo all’interno del Comune dopo il giorno 25 aprile dovranno votare nella sezione elettorale in cui erano già iscritti, mentre i cittadini che hanno registrato in Anagrafe il cambio prima di quella data, se comporta un cambio di sezione, riceveranno una etichetta da applicare alla tessera elettorale con l’ubicazione del seggio presso cui dovranno votare.

Per quanto concerne i nuovi elettori, provenienti da altri comuni, la revisione dinamica straordinaria ha preso in considerazione i cambi di residenza perfezionati entro il giorno 25 aprile.

Italiani all’estero

Gli elettori AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) sono complessivamente 7492 di cui AIRE residenti in paesi della UE 2331.

251 elettori residenti in paesi UE hanno optato per esprimere il voto a favore dei candidati del proprio paese di residenza all’estero, in questo caso non sarà più possibile esprimere il voto in Italia

In occasione delle elezioni europee, i cittadini AIRE residenti in un paese appartenente alla UE possono votare all’estero presso i seggi istituiti dagli uffici consolari.

I cittadini italiani che sono permanentemente residenti in un Paese UE e iscritti all’AIRE e che non hanno optato per il voto a favore dei rappresentanti spettanti al Paese membro UE di residenza saranno ammessi al voto per i candidati per i seggi spettanti all’Italia senza necessità di presentare alcuna dichiarazione.

Elettori temporaneamente all’estero

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento delle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, comma 1 dell’art. 4-bis), ricevendo la scheda al loro indirizzo all’estero.

Le domande per partecipare al voto all’estero, che dovevano pervenire, entro il 21 marzo 2024, al Comune d’iscrizione nelle liste elettorali con apposita opzione, sono 13.

L’elettore italiano residente all’estero in un Paese dell’UE, o temporaneamente ivi domiciliato per motivi di studio o lavoro (che abbia presentato domanda di voto all’estero nei termini previsti), se rientra in Italia, può votare presso il proprio Comune di iscrizione elettorale: in tal caso deve farne esplicita richiesta, entro il giorno precedente quello della votazione, al Sindaco del suddetto Comune.

I cittadini italiani residenti nei Paesi NON membri dell’Unione Europea possono votare per i rappresentanti al Parlamento Europeo spettanti all’Italia esclusivamente rientrando in Italia presso il Comune di iscrizione elettorale.

Agevolazioni tariffarie per chi viaggia

In occasione delle elezioni europee dell’8 e 9 giugno 2024, chi si recherà a votare nel proprio comune di iscrizione elettorale potrà usufruire delle agevolazioni di viaggio previste dalla normativa statale per le consultazioni elettorali (artt. 116 e 117 del D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361; legge 26 maggio 1969, n. 241).

Agevolazioni per i viaggi ferroviari, aerei e via mare

Le agevolazioni tariffarie sono applicate direttamente dalle società che gestiscono i relativi servizi di trasporto, sulla base di convenzioni stipulate con l’amministrazione statale.

Per il trasporto ferroviario:
Italo – Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A, Trenitalia S.p.A. e Trenord s.r.l.

per il trasporto aereo:
Italia Trasporto Aereo S.p.A. (ITA Airways)

per il trasporto marittimo:
– Compagnia Italiana di Navigazione S.p.A.
– Grimaldi Euromed S.p.A.
– Società Navigazione Siciliana S.c.p.A.
– NLG – Navigazione Libera del Golfo S.r.l.

Per conoscere nel dettaglio le agevolazioni applicate nonché i termini e le modalità di relativa fruizione è possibile consultare il sito web dei suddetti gestori o chiamare i rispettivi contact center.

Elettrici/elettori residenti all’estero potranno accedere alle agevolazioni di viaggio esibendo la cartolina-avviso inviata dal Comune di iscrizione elettorale o l’attestazione rilasciata dal Consolato della località di residenza e per il viaggio di ritorno la tessera elettorale opportunamente vidimata dal Presidente del seggio ove è avvenuta la votazione.

Agevolazioni autostradali per chi risiede all’estero

L’Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori (AISCAT) ha reso noto che le Concessionarie autostradali aderiranno alle richieste di esenzione dal pedaggio per le persone residenti all’estero con le stesse modalità applicate nelle precedenti tornate elettorali. Pertanto, la validità dell’agevolazione avrà inizio:

  • per il viaggio di andata: dalle ore 22:00 del quinto giorno precedente quello della consultazione

  • per quello di rientro: dal giorno delle operazioni di voto fino alle ore 22:00 del quinto giorno successivo alla conclusione delle operazioni stesse; sono escluse dalle agevolazioni le autostrade controllate con sistema di esazione di tipo “aperto”.

Per poter usufruire dell’agevolazione si dovrà esibire per il viaggio di andata la tessera elettorale o la cartolina-avviso inviata dal Comune di iscrizione elettorale o l’attestazione rilasciata dal Consolato della località di residenza e, per il viaggio di ritorno, la tessera elettorale vidimata dal presidente del seggio dove è avvenuta la votazione.

Le altre Società non iscritte all’AISCAT continueranno a garantire conformità di comportamento nei riguardi delle persone residenti all’estero.

Spesa prevista e personale dedicato

La spesa totale presunta per le prossime elezioni politiche ammonta a 557.352,00 euro così ripartita:

Lavoro straordinario del personale

totale 205.000,00 euro

Costi per acquisto beni

totale 8.976,00 euro

Costi per acquisto servizi

totale 343.396,00 euro

Nomina degli scrutatori

Mercoledì 15 maggio, la Commissione Elettorale Comunale, presieduta dall’Assessore Marco Bosi, ha scelto gli scrutatori.

In base alla Legge di riforma elettorale n. 270 del 21 dicembre 2005, gli scrutatori non vengono più sorteggiati, ma scelti dalla Commissione tra gli iscritti all’Albo apposito.

Gli scrutatori sono 4 per ogni seggio normale, 2 nei seggi speciali per un totale di 832.

I compensi corrisposti ai presidenti, agli scrutatori di seggio e ai segretari, saranno i seguenti:

Seggi ordinari

Presidenti: 138,00 euro

Scrutatori: 110,40 euro

Segretari: 110,40 euro

Seggi speciali

Presidenti: 82,80 euro

Scrutatori: 56,35 euro

Segretari: 56,35 euro

Quando si vota:

sabato 8 giugno dalle ore 15.00 alle ore 23.00
domenica 9 giugno dalle ore 7.00 alle ore 23.00
Alla chiusura dei seggi seguirà immediatamente lo scrutinio

Orari sportelli elettorali – tessera elettorale e documento di identità

Nella settimana del voto, per agevolare al massimo gli elettori, il DUC amplierà i propri orari di apertura per il ritiro delle tessere elettorali prenotate o giacenti o per il rilascio di duplicati di tessere elettorali in caso di smarrimento, con i seguenti orari:

da lunedì 3 a venerdì 7 giugno dalle ore 8.15 alle ore 18.30
Nelle giornate del voto, gli sportelli elettorali rimarranno aperti al DUC:
sabato 8 giugno dalle ore 8.15 alle ore 23.00
domenica 9 giugno dalle ore 7.00 alle ore 23.00
Durante le aperture straordinarie, sarà possibile anche l’emissione di CIE nel caso in cui l’elettore sia privo di qualunque documento utile per votare al seggio, accedendo agli sportelli senza appuntamento.

La tessera elettorale può essere richiesta anche utilizzando l’apposito servizio online accessibile dal sito elezioni.comune.parma.it – informazioni generali – servizi online

Cosa occorre per votare:

Per poter esprimere il proprio voto occorre presentarsi presso la sezione elettorale di iscrizione muniti di tessera elettorale personale e di carta d’identità o altro documento di riconoscimento rilasciato dalla Pubblica Amministrazione munito di fotografia e timbro a secco, ad esempio:

patente;
passaporto;
libretto di pensione;
tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale
tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale Ufficiali in congedo d’Italia, purché convalidata da un comando militare.
I documenti elencati sono considerati validi per accedere al voto anche se scaduti, purché risultino sotto ogni altro aspetto regolari e possano garantire una sicura identificazione dell’elettore.

Il Ministero dell’Interno, con circolare n. 2 del 14 febbraio 2018, ha chiarito che al fine di favorire il più possibile l’esercizio del diritto di voto da parte di coloro che, nei giorni antecedenti le consultazioni elettorali, avranno presentato richiesta di CIE, è da ritenere che la ricevuta della CIE, in quanto munita della fotografia del titolare, dei relativi dati anagrafici e del numero della CIE cui si riferisce, risponda ai requisiti del documento di riconoscimento di cui all’art. 1, comma 1, lett. c) D.P.R. n. 445/2000.

Pertanto, l’identificazione al seggio sarà possibile anche con tale sola ricevuta.

Sezioni

Le sezioni sono 204, più 8 sezioni speciali.

Tutti i seggi sono ubicati nella sede indicata sulla tessera elettorale.

Variazioni sedi di voto

In occasione delle elezioni del 8 e 9 giugno le sezioni n. 171, 172, 173, 174, 176, 179, di norma ubicate presso la Scuola “Rodari” in via Ognibene, 25/A saranno trasferite presso la scuola “Martiri di Cefalonia” in via Pelicelli, 8/A.

Le sezioni n. 71, 72, 73, 74, 76, 77 e 83, temporaneamente trasferite presso le scuole “Racagni”, “Padre Lino Maupas”, “Ferrari” e “Fognano” rientrano nella sede originaria presso la scuola “Anna Frank” di Via Pini 16/A.

Le sezioni 88, 95, 96, 97, 98, 100, 101, 102, 106, 108, 110 e 196 di norma ubicate presso la Scuola “Micheli” in Via Micheli 16 saranno trasferite presso la scuola “Toscanini” in Via Cuneo, 3/A.

La sezione n. 186 prima ubicata presso la ex Scuola di Panocchia sarà definitivamente trasferita presso la scuola primaria di Vigatto in Strada Ritorta 6/A

Sezioni speciali

Per i ricoverati in strutture ospedaliere o luoghi di cura è possibile esprimere il proprio voto in sezioni speciali allestite all’interno del luogo di degenza, in seguito ad apposita richiesta scritta presso la Direzione Sanitaria.

Le sezioni speciali nel Comune di Parma sono:

23 “Villa Parma” piazzale Fiume, 5

37 Ospedale Maggiore, Torre delle Medicine, quinto piano, via Gramsci, 14

58 Ospedale Maggiore Padiglione Ala Sud, piano terra

59 Ospedale Maggiore, Padiglione Barbieri, primo piano, via Gramsci, 14

60 Ospedale Maggiore: Padiglione Ala Est, sesto piano, via Gramsci, 14

61 Ospedale Maggiore, Padiglione Ala Ovest, sesto piano, via Gramsci, 14

105 Casa Circondariale (Carcere)

163 Casa di Cura “Città di Parma” piazzale Maestri, 5

Servizi di trasporto speciali

Il Comune di Parma, ai sensi dell’articolo 29 della Legge 104 del 5 febbraio 1992, organizza, in collaborazione con l’Assistenza Pubblica di Parma, un servizio di trasporto gratuito per persone con problemi di deambulazione che non sono in grado di raggiungere autonomamente il seggio elettorale.

Procedura per usufruire del servizio:

La domanda dev’essere presentata entro giovedì 6 giugno 2024:

Per coloro che riescono a raggiungere il piano stradale devono contattare la Pubblica Assistenza ai numeri 0521224983 o 0521224985 dal lunedì al venerdì dalle 6.30 alle 17.00;
Per coloro che non sono in grado di raggiungere il piano stradale e quindi necessitano di essere prelevati direttamente dall’abitazione devono contattare la centrale al numero 0521-208888, che poi si occuperà di gestire il trasferimento scegliendo il mezzo più adeguato.
Barriere architettoniche

Si ricorda che tutti le sedi di seggio sono prive di barriere architettoniche e quindi accessibili anche agli elettori con disabilità.

Voto degli studenti fuori sede

In occasione delle elezioni europee sarà sperimentato il voto degli studenti fuori sede.

Sono 21 gli elettori e le elettrici del Comune di Parma, per motivi di studio temporaneamente domiciliati in un comune situato in una regione diversa dall’Emilia Romagna, che hanno richiesto di esercitare il diritto di voto “fuori sede”. Tali elettori non potranno rientrare a Parma per esprimere il voto.

Voto a domicilio

In occasione delle elezioni europee del 8 e 9 giugno 2024, le persone che per gravi malattie dipendono da apparecchi elettromedicali o con infermità tali da rendere impossibile l’allontanamento dalla propria abitazione, anche con l’ausilio dei servizi di trasporto messi a disposizione dal Comune, (cioè siano “intrasportabili”), possono presentare richiesta per effettuare il voto a domicilio.

La richiesta deve essere presentata in carta libera, al Sindaco del Comune di residenza, unitamente a copia della tessera elettorale e al certificato gratuito rilasciato dai Servizi Igiene Pubblica dell’Azienda USL da cui risulti l’infermità fisica; in particolare, il certificato medico, per non indurre incertezze, dovrà riprodurre l’esatta formulazione normativa di cui all’art. 1 del decreto-legge 3 gennaio 2006, n. 1, convertito in legge n. 22/2006 e succ. modificazioni.

Nella richiesta devono essere indicati: nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo completo dell’abitazione e numero di telefono dell’elettore.

Le domande presentate tardivamente rispetto alla scadenza del 20 maggio 2024 verranno accolte compatibilmente con le esigenze organizzative del Comune.

Per l’inoltro della domanda agli uffici è possibile avvalersi del servizio online dedicato.

Voto assistito

Le persone che soffrono di gravi deficit visivi o sono impossibilitate a usare le mani e non sono dunque in grado di votare autonomamente, possono chiedere di essere accompagnate in cabina elettorale da una persona di fiducia.

Per esercitare questo diritto, i cittadini “fisicamente impediti al voto” devono rivolgersi ai Servizi di Igiene Pubblica dell’Azienda USL e richiedere il certificato gratuito che attesti questa condizione. Il certificato andrà presentato al Presidente di seggio il giorno della votazione.

È bene anche sapere che, per evitare di ripetere questa procedura ad ogni elezione, è possibile presentare il certificato, insieme alla tessera elettorale, all’Ufficio elettorale del Comune di residenza, dove con un apposito timbro sulla tessera verrà formalmente riconosciuto il diritto di voto assistito anche per le successive votazioni.

Rilascio certificazioni presso il servizio di igiene e sanità pubblica del distretto di Parma

I dirigenti medici del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma sono a disposizione per il rilascio delle certificazioni agli elettori fisicamente impediti al voto che richiedono il voto assistito o domiciliare.

Per il voto a domicilio

La richiesta di visita domiciliare per ottenere il certificato va fatta non oltre il ventesimo giorno antecedente il giorno delle votazioni.

Per fissare l’appuntamento occorre chiamare il servizio di Igiene pubblica dell’Azienda Usl al numero 0521.396462 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12.

Per il voto assistito

Per ottenere il certificato è possibile fissare un appuntamento chiamando il numero 0521.396462 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 oppure rivolgendosi direttamente agli ambulatori medico legali dell’Azienda Usl nei giorni e orari indicati a seguire: distretto di Parma: Via Vasari 13/a, Parma, martedì e mercoledì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 16.30; distretto di Fidenza: Via Don Tincati 5, Vaio (Fidenza), complesso sanitario di Vaio, corpo N, primo piano, il giovedì dalle 8.30 alle 12; distretto Sud-Est: Casa della salute di Langhirano, Via Roma 42/1, piano terra, il venerdì dalle 8.30 alle 12; distretto Valli Taro e Ceno: Via Benefattori 12, Borgotaro, il lunedì dalle 12 alle 13.

(Fonte: Comune.parma.it)

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *