Grazie ai fondi messi a disposizione dallo Stato, per un importo complessivo di euro 1.070.000, è stato possibile mettere in cantiere la riqualificazione di ben nove ponti sui ventidue presenti sul nostro territorio e che la scorsa estate sono stati sottoposti ad un accurato screening.

“Parliamo di un intervento di manutenzione straordinaria – spiega il sindaco Davide Malvisi – che mette insieme 990 mila euro di fondi statali ex PNRR e 80 mila euro di risorse proprie comunali. Al termine di questi interventi il risultato sarà quello di un grande miglioramento complessivo della sicurezza delle nostre strade, un risultato non scontato e che rende certamente sostenibili i piccoli disagi che i cantieri inevitabilmente imporranno”.

I ponti interessati sono complessivamente nove: ponte sul rio della Selga in località Sagrà di Siccomonte, ponte sul rio Fratta in località Case Rotte di Santa Margherita, ponte sul rio Rovacchiotto in località Case Rotte di Santa Margherita, ponte sul rio Fornio in località Chiesa di Fornio, ponte sul rio Caneto in località Rimale Campobianco, ponte sul rio Levante in località Rimale Centro, ponte sul rio Nazzano in località Castione Marchesi, strada del Portone, ponte sul rio Caneto in località Castione Marchesi, strada del Pamperduto e ponte sul torrente Stirone in località Chiusa Ferranda.

Il primo a chiudere completamente al traffico veicolare e pedonale sarà, a partire da oggi, lunedì 1 luglio, il ponte sul rio Canneto in località Rimale Campobianco, situato in prossimità del cimitero di Rimale.

In seguito al rilievo effettuato sono emerse infatti criticità come il deterioramento delle murature laterali di contenimento della sede stradale che ne hanno consigliato l’inclusione nella lista dei ponti sui quali intervenire. Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo impalcato da realizzare a quota superiore rispetto all’attuale piano stradale. Questa soluzione avrà l’effetto di alleggerire notevolmente la volta dai carichi del traffico veicolare, mantenendo di fatto solo la funzione “idraulica”. Tra l’attuale piano stradale e quello previsto in progetto vi è un dislivello di circa 27cm che verrà raccordato con il rifacimento dell’asfalto nei tratti di strada prima e dopo il ponte.

Inoltre, nell’ambito dell’appalto della riqualificazione delle strade, si procederà anche al risanamento e all’asfaltatura della parte più ammalorata della strada Pamperduto, ovvero la strada che collega Bastelli con la frazione di Castione. Per due settimane circa, a partire sempre da lunedì 1° luglio e in considerazione delle importanti lavorazioni di risanamento stradale, anche questa strada sarà chiusa al traffico.

Per il periodo di chiusura del ponte, stimabile in circa tre mesi, e per quella della strada del Pamperduto (circa due settimane) sarà possibile aggirare il blocco utilizzando la strada dei Due Ponti. Una volta riaperta la strada del Pamperduto anche quest’ultima potrà essere utilizzata per arrivare a Castione da Fidenza.

La settimana successiva, quindi da lunedì 8 luglio, si proseguirà con i lavori sul ponte rio Nazzano in località Castione Marchesi, situato in adiacenza alla scuola di Castione. Gli altri due interventi a sud della via Emilia, vale a dire il ponte sul rio della Selga in località Sagrà di Siccomonte ed il ponte nella strada delle Case Rotte, seguiranno nelle settimane successive, comunque entro la fine del mese di luglio 2024.

(Fonte: Comune.fidenza.pr.it)

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *